martedì 22 novembre 2011

[LIBRO] Il diavolo, suppongo

  • TITOLO: Il diavolo, suppongo
  • AUTORE: Carlo Della Corte
  • EDIZIONE: Marsilio, 1990
  • PROVENIENZA: IBS, nuovo

L'ultima persona che ci si aspetterebbe di incontrare in gita a Venezia è il diavolo. E invece c'è proprio lui, in uniforme da commodoro, al posto di osservazione sulla poppa di quella grande nave al largo del porto e protetta da una fitta coltre di nebbia... Così almeno la pensa il Tedesco, forbito ex-marinaio e birromane, mentre racconta ad Egira (la prostituta con il miglior davanzale della città) di aver scorto, oltre la cortina che circonda la nave, un'isola dove gente defunta vive una seconda esistenza.

Il diavolo, suppongo è un allucinato, nebbioso e ironico, viaggio a Venezia tra sbronze, sesso, religione, superstizione e humor, dove il diavolo ha l'aspetto di un vecchio imprenditore che tra plastiche, parrucchini e orgie proprio non vuole dimostrare la sua età (ma non vi ricorda qualcuno?), mentre un canuto e grinzoso arcangelo Gabriele gestisce una sciccosa pasticceria dalla quale osserva e analizza l'umanità.

Non voglio dire di più: vi rovinerei la sorpresa in caso decideste di cercarne una copia! Vi consiglio di tenere un dizionario a portata di mano mentre leggete, perché come diceva Montale...
le parole
sono di tutti e invano
si celano nei dizionari
perché c'è sempre il marrano
che dissotterra i tartufi
più puzzolenti e più rari
E l'autore qui è stato parecchio marrano.

La Prima Pagina
Ecco, torno a tediarvi con la mia voce. Probabilmente continuerò finché la mia scorta di amor proprio non è esaurita. Potete scaricare la registrazione da QUI.
Il sottofondo musicale è questo (una interpretazione di Maurizio Oddone), reperibile come al solito sotto licenza Creative Commons dal sito Jamendo.