giovedì 18 agosto 2011

[LIBRO] Il Club dei Mestieri Stravaganti

  • TITOLO: Il Club dei Mestieri Stravaganti
  • AUTORE: Gilbert Chesterton
  • TRADUTTORE: A. R. Ferrarin
  • EDIZIONE: Classici Newton, 1996
  • PROVENIENZA: nuovo 

In che categoria collocare Il Club dei Mestieri Stravaganti? Forse raccolta di racconti gialli? Ci sono le indagini, certo... Ma manca il delitto! Questo è un libro allergico alla catalogazione: i tentativi sono destinati alla frustrazione, quindi non perderò tempo, passando direttamente a una sommaria descrizione dei contenuti.

Innanzitutto, il libro è composto dai seguenti sei racconti:
  • Le terribili avventure del maggiore Brown
  • La penosa caduta di una grande reputazione
  • Il terribile motivo della visita del vicario
  • La singolare speculazione del mediatore
  • La strana condotta del professor Chadd
  • L'eccentrica reclusione della vecchia signora
L'insieme delle sei storie crea un ciclo, al centro del quale vi è il "Club" del titolo: un'associazione composta da stravaganti personalità che si guadagnano il pane tramite i più assurdi mestieri.

Protagonista è il folle ex-giudice Basil Grant ("Io vi condanno a tre anni di prigione, nella ferma, solenne e religiosa convinzione che quello che vi occorre sono tre mesi al mare"), accompagnato nell'esplorazione della fumosa e inquietante Londra d'inizio '900 dal fratello Rupert (poliziotto privato dilettante) e dal florido amico "Cherubino" Swinburne (il narratore).

Ogni racconto è incentrato sulla risoluzione di un inquietante mistero dagli sfondi in apparenza delittuosi, ma tutto l'insieme si concentra nella dimostrazione di una singola tesi:
Ogni particolare ci conduce a qualcosa, certo; ma quasi sempre ci conduce alla cosa sbagliata.
Quindi un approccio all'analisi della realtà totalmente opposto a quello holmesiano, nel quale l'ispirazione e l'intuizione schiacciano l'indizio tanto caro al detective di Baker Street. Questi racconti potrebbero non essere adatti agli amanti del giallo "classico" a causa della loro atipicità e dello strambo protagonista, ma proprio per queste ragioni il libro rappresenta un diversivo originale alle solite letture. Decisamente da acchiappare se doveste trovarlo su una bancarella!