martedì 8 gennaio 2013

Pronto Internet? Qui parla il '60

Fingendo spudoratamente di non essere stato latitante per due mesi, eccomi tornato per mostrarvi qualche foto di un lavoretto sul quale ho passato qualche ora libera della scorsa settimana:
Un autentico Bigrigio da parete, dritto dritto dagli anni '60!
C'è chi per il compleanno si fa il telefono nuovo e c'è chi no. C'è anche chi si fa il telefono vecchio.
Ho sempre avuto una fissa per i telefoni a disco combinatore, forse perché fanno riemergere un qualche ricordo d'infanzia o forse perché sono semplicemente belli! E poi a quel suono di ingranaggi ogni volta che si ruota il selettore il DTMF gli fa un baffo!

Ho trovato un bell'esemplare di bigrigio (nomignolo nato dal doppio colore della scocca e della cornetta) Face Standard F.63 al mercatino della comunità Emmaus Italia di San Nicolò (FE) (a proposito, andateci!). L'idea è stata subito quella di collegarlo a un centralino Voice-over-IP per telefonare via internet, aggiungendo un tono decisamente retrò alla discussione (la mia ragazza, prosaicamente, dice semplicemente "guarda che quando usi quel telefono ti sento lontano").

A seguire, qualche foto delle operazioni di pulizia (e disinfezione: c'erano incrostazioni di... di... roba arancione) dell'apparecchio.

F.63 senza scocca
I telefoni erano proprietà di SIP
Che bel paio di... campanelle
Dettaglio della morsettiera
22042... Chissà chi rispondeva
La mia assistente aiuta
nella pulizia
Durante la pulizia ho recuperato anche lo schema elettrico e funzionale del telefono, nascosto sotto la morsettiera:
Ora il telefono è collegato alla rete sip2sip (niente a che vedere con la SIP Italiana) attraverso un router Cisco 1751v, apparechio in grado di interpretare la composizione del numero attraverso gli impulsi utilizzati dal selettore decadico (normalmente ora utilizziamo i toni DTMF per comporre il numero: avete bresente i BEEEP, BAAAP, BIIIP quando premente i tasti? Ecco, quelli).

Sentire il tlin metallico del martelletto alla fine di una telefona ha un gusto tutto particolare :-)
Inoltre è interessante osservare come sia ancora possibile utilizzare su una moderna rete digitale un dispositivo progettato in anni nei quali se qualcuno diceva "internet", gli veniva risposto "Salute!".